Prestiti dipendenti e interessi: guida completa

Indice dei contenuti

Sei un dipendente, hai urgente bisogno di un prestito veloce e conveniente? Sei sicuramente nell’angolo della rete che fa per te, infatti l’azienda fornisce servizi ai dipendenti che necessitano di liquidità a breve termine, prestiti veloci e mirano a soddisfare le esigenze dei lavoratori. Quindi diamo un’occhiata alle funzioni di questi prestiti. In questa guida si intende sensibilizzare lavoratori e dipendenti che desiderano ottenere prestiti aziendali. Questo è un passaggio delicato, la lettura approfondita e la ricerca su questo tema sono imprevedibili, l’obiettivo finale è avere una comprensione dell’argomento. Invitiamo infatti i lettori a prestare attenzione, leggere attivamente le informazioni, prendere appunti e salvare articoli di base in modo che possano essere riutilizzati per ulteriori informazioni e ricerche su Internet.

Le diverse forme di prestito per i dipendenti

I dipendenti dispongono di una serie di strumenti finanziari che non possono essere ignorati, e devono essere presi in considerazione per fare sagge considerazioni in base alle loro esigenze. Quest’ultimo può essere dato da una serie di fattori personali ed economici che solo ciascuno di noi oi nostri consulenti finanziari possono conoscere. Pertanto, ci limiteremo a fornire una distribuzione generale, lo scopo è fornire informazioni sull’esistenza di tali prodotti.

  • I dipendenti privati hanno diverse forme di prestito che vengono messi a disposizione dalla propria azienda o anche da altri enti. In particolar modo abbiamo enti bancari che spesso stipulano convenzioni con l’azienda di appartenenza, garantendo una serie di strumenti messi in essere dal legislatore (ad esempio la cessione del quinto); oppure vi sono fondi di credito istituiti presso l’Inps e che sono destinati ad una determinata categoria di dipendenti privati, oppure ai soli dipendenti di una determinata azienda (ad esempio i fondi per i dipendenti delle Poste Italiane).
  • I dipendenti pubblici invece hanno a disposizione una serie di strumenti di prestito erogati sia da privati che da istituti pubblici, i quali offrono molti vantaggi di natura fiscale e normativa, in quanto essi godono di molte più garanzie di stabilità reddituale, rispetto ad un lavoratore privato.

Ora, devi solo adattare e avvicinarti al materiale di lettura in modo attivo piuttosto che passivo. Prestare attenzione e salvare i paragrafi di base per aumentare la soglia di attenzione. Questo ti aiuterà ad immagazzinare le informazioni per future ricerche e approfondimenti nel web.

Dipendenti privati

Il prestito fornito dall’azienda per cui si lavora

Ogni dipendente può richiedere un prestito al proprio datore di lavoro secondo la politica di welfare stabilita dal settore privato. Si tratta di un prestito classificato come indennità supplementare o “indennità extra” ed è stato aggiunto al tuo stipendio. Oltre alla raccolta di fondi, questi vantaggi includono buoni pasto, auto aziendali o servizi di istruzione e coaching, che sono senza dubbio per i dipendenti dell’azienda. Puoi sempre richiedere un prestito al tuo datore di lavoro. Tuttavia, questa forma di prestito infragruppo viene effettuata nell’azienda in cui si lavora ed è diversa dalla cessione del quinto in cui il datore di lavoro non si può rifiutare nella concessione.

In questo caso, potrebbe non accettare la distribuzione. Pertanto, in effetti, è più probabile che tu riceva una risposta positiva da grande a piccolo. Nello specifico si tratta di una forma rara di prestito personale e di prestito fisso: il primo è solitamente liquido e non ha motivazione occupazionale finale, e il secondo è motivato. Infatti, la richiesta di prestito del datore di lavoro deve essere motivata al momento della richiesta. Questo è un aspetto che lo fa sembrare un prestito a tempo indeterminato (cioè associato a una specifica quota). Una volta approvato, i fondi dell’azienda possono essere utilizzati per rimborsare il prestito, oppure il datore di lavoro può firmare un accordo con un finanziatore tradizionale (banca o istituto finanziario), condividendo solitamente una parte degli interessi.

Il prestito aziendale dal punto di vista fiscale

I prestiti forniti ai dipendenti sono più economici di altri prestiti. Tali finanziamenti beneficiano infatti di una serie di agevolazioni fiscali: tra il tasso di interesse concesso ai dipendenti e il tasso ufficiale di sconto (il tasso di interesse medio a fine periodo o alla fine del periodo). Per fare un esempio pratico: se il tasso di interesse medio su un prestito concesso a dipendenti in un mercato simile è del 3% e il datore di lavoro lo paga all’1%, la differenza imponibile sull’intero prestito è dell’1%. Ciò è determinato dal seguente calcolo: (3% -1%) / 2.  L’Agenzia delle Entrate, quando si tratta di mutui ipotecari, dice che i dipendenti hanno diritto ad una riduzione dell’ interesse del 19% rispetto al resto del lavoro del datore di lavoro.

Come richiedere il prestito aziendale

Le aziende generalmente hanno i propri moduli di richiesta di prestito commerciale personalizzati, che di solito portano il logo della stessa azienda, soprattutto quando queste sono grandi. Tuttavia, oltre al modello adottato, la richiesta di finanziamento contiene quasi sempre le medesime questioni: il contratto di lavoro, l’importo del prestito, periodo con cui lo si deve rimborsare (sotto forma di pagamenti annuali e rateali), il fine ultimo del finanziamento e le diverse modalità con cui si effettuerà il pagamento.

L’elemento che non viene mai specificato è la tariffa del tasso d’interesse, infatti la tariffa verrà fornita dal datore di lavoro mediante un’apposita lettera.

Prestiti dell’Inps (ex Inpdap) per il dipendente pubblico

Questi sono i finanziamenti agevolati erogati dall’INPS a dipendenti e pensionati della Pubblica Amministrazione. A differenza dei finanziamenti concessi attraverso i canali di credito tradizionali, i precedenti finanziamenti Inpdap sono soggetti a regolamenti interni e regolamentazioni previste dalle leggi. I regolamenti sui prestiti ai dipendenti del settore pubblico includono i regolamenti sui prestiti ai dipendenti del settore pubblico. Il regolamento è facilmente scaricabile in formato PDF dal sito ufficiale dell’INPS, e può essere completato da tutti gli utenti che sfogliano il regolamento. Per accedere al documento, l’autenticazione tramite PIN non è infatti richiesta. Tieni presente che le regole cambiano ogni anno, quindi tieniti aggiornato.

Per quanto riguarda il contenuto della normativa, questa stabilisce i criteri per la concessione diretta dei prestiti ex Inpdap. Dal nome si può intuire che questi prestiti sono erogati direttamente dagli enti previdenziali attraverso le gestioni unificate dei crediti di fondi speciali e dei servizi sociali. Tra i vari fattori da considerare nel Regolamento Prestiti Dipendenti Pubblici riportati nel Regolamento Prestiti Inps si trova anche l’importo del prestito a cui si può ambire.

Come si richiedono in prestiti dell’Inps?

Il regolamento sui prestiti INPS stabilisce le condizioni per i prestiti diretti. In accordo con le disposizioni dell’INPS introdotte dal regolamento, la richiesta di prestito dovrà essere effettuata su apposito modulo scaricabile direttamente dal sito ufficiale INPS. Che si tratti di un piccolo prestito o di un prestito pluriennale, la tua domanda di prestito deve essere inviata all’INPS provinciale o regionale (ex Inpdap). I dipendenti pubblici devono presentare le domande tramite la rispettiva autorità competente. I pensionati, invece, possono avvalersi degli appositi servizi internet forniti dallo stesso INPS per candidarsi.

Infine si segnala ai lettore di visitare spesso il sito INPS per valutare i vari aggiornamenti delle norme introdotte dall’ente previdenziale, in quanto tali aggiornamenti vengono effettuati annualmente. Inoltre, è bene effettuare delle consultazioni con un commercialista o un CAF per valutare se questi strumenti sono di fatto disponibili, soprattutto per evitare di perdere elementi essenziali della documentazione.

Cessione del Quinto sia per i dipendenti pubblici che privati

La Cessione del quinto è una formula particolare per il prestito personale a tasso fisso. Viene chiamato in questo modo perché il debito dovuto viene detratto dalla busta paga dello stipendio (o della pensione) e l’importo del rimborso non può superare per legge un quinto di quest’ultimo (dopo la detrazione fiscale e quindi al netto di esso). Se si vuole comprendere il principio di funzionamento del metodo di pagamento, questo si esplica nel modo che la sua durata non supera i 120 mesi, ed è un prestito incompiuto, cioè non ha bisogno di essere risolto intenzionalmente: non si deve specificare nella richiesta il motivo del pagamento. L’allocazione del metodo è solitamente richiesta da altri prestiti (come i prestiti aziendali di cui abbiamo parlato sopra).

  • Per chi è? Dipendenti pubblici e privati, compresi i pensionati. Per i lavoratori è ovvio che devono avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, cioè non limitato dal termine. Tuttavia, i datori di lavoro devono anche soddisfare determinati requisiti: per dimostrare la loro stabilità economica e finanziaria, di solito hanno bisogno di almeno 16 dipendenti. Finché le persone con contratti a tempo determinato o contratti a progetto hanno ancora debiti in sospeso dopo la scadenza del contratto di lavoro, possono utilizzare questa forma di prestito.