Prestiti per dipendenti stagionali: i migliori di Settembre 2021, finanziarie, guida

Indice dei contenuti

Hai bisogno di un finanziamento, ma ti ritrovi ad essere un lavoratore stagionale? Non ci si deve preoccupare, perché anche le persone senza contratto a tempo indeterminato possono richiedere un prestito. Come è possibile? Vi è una categoria di prestiti denominati “senza busta paga” pensata proprio per casi analoghi alla tua. In questa guida verranno illustrate le varie tipologie di prestiti stagionali che potrebbero suscitarti interesse, le garanzie fornite e un preventivo orientativo dell’importo che potrai richiedere alla banca in modo da fornirti una panoramica completa delle opportunità offerte dall’ente creditizio.

La guida completa ai prestiti per dipendenti stagionali

I prestiti per dipendenti stagionali, come già detto, possono essere compresi nella tipologia “prestiti senza busta paga”. Questo viene giustificato dal fatto che i lavoratori senza reddito fisso non sono considerati soggetti di solvibilità al 100% dalla banca, né sono persone che possono ripagare debiti per lungo tempo. Pertanto, al fine di minimizzare il rischio associato alla restituzione del denaro da parte dei clienti, gli istituti di credito hanno creato soluzioni appositamente studiate per i lavoratori stagionali. Tuttavia, ci sono alcune restrizioni per questa categoria di tipi di prestito e descriveremo in dettaglio queste restrizioni in questo articolo. Tra questi vi è la somma che si può richiedere, è meglio precisare dall’inizio, non potrà mai essere molto alta.

Chi sono i dipendenti stagionali?

I dipendenti stagionali sono coloro che svolgono attività considerate lavoro stagionale, le quali vengono elencate nel decreto del 1963 (DPR 1525/7 ottobre.), Che è stato modificato nel tempo per aggiornare le nuove professioni. Normalmente i servizi forniti sono ciclici, cioè le responsabilità dei lavoratori sono strettamente legate ad un determinato periodo dell’anno. Un esempio potrebbe essere la raccolta e lo stoccaggio dei prodotti della raccolta forestale, come la raccolta dei funghi in autunno o la raccolta delle fragole all’inizio del periodo estivo. Sono considerate lavoratori stagionali anche tutte le attività che sono impegnate esclusivamente in attività legate a mostre o relative al personale assunto per svolgere corsi di insegnamento professionale di breve durata.

Importi massimi che possono essere richiesti

La banca tende a considerare i prestiti per dipendenti stagionali altamente rischiosi. Questo perché, per la natura della sua professione, non è garanttio che il tale dipendente sia in grado di sostenere l’intero piano di ammortamento e il relativo tasso di interesse, perché per la maggior parte del tempo non ha reddito fisso, o almeno nessun reddito a lungo termine, costante nel termine. A causa della scarsa capacità dei dipendenti stagionali di generare reddito a lungo termine, è improbabile che gli istituti di credito paghino ingenti somme di denaro. Ma anche in questo caso i lavoratori possono fornire alcune garanzie che possono far “stare tranquilli” la banca. Pertanto, i fondi presi in prestito sono solitamente compresi tra 1.000 euro e 5.000 euro, ed è difficile raggiungere i 10.000 euro.

Per questo ci teniamo a precisarlo sin da subito, risulta difficile poter accedere a cifre elevate.

Quale garanzia richiede la banca

Se puoi utilizzare il documento proposto per dimostrare che puoi fare affidamento su più di un tipo di reddito, come l’affitto o il reddito finanziario, la banca selezionata avrà maggiori possibilità di accettare richieste di prestito, e la somma è addirittura superiore allo standard .

Un’altra pratica molto comune è fornire alla banca il saldo delle modifiche del tuo conto corrente per dimostrare la tua capacità di rimborsare il debito con la banca. È anche molto utile trovare un garante solvibile. Se il richiedente non è in grado di adempiere alle responsabilità del garante, il garante si impegnerà a rimborsare il debito all’istituto di credito.

Invece, sebbene ci siano molte persone che credono che in questa situazione, la fornitura di immobili come garanzia, sia importante che siano diversi dall’affitto ottenuto dall’affitto, ma di solito si rivelano inutili.
Questo principalmente perché l’importo è talmente basso che risulta piuttosto inutile avviare un pignoramento su una casa per ottenere una cifra così esigua.

Come farne richiesta?

Il primo passo sicuramente è quello di recarsi presso un consulente finanziario di una banca o delle Poste Italiane e richiedere quelli che sono i prodotti offerti dall’istituto di credito.
Successivamente bisogna capire quali siano i documenti che vengono generalmente richiesti
In particolare la parte relativa alla situazione finanziaria, perché ciò influirà sul successo della domanda. I documenti normalmente richiesti sono:

  • Documenti di identificazione validi (come carta d’identità o passaporto)
  • Codice fiscale
  • Ultimi 2 stipendi
  • Bolletta da pagare
  • Eventuali altri documenti di reddito

Come viene erogato e rimborsato

Se l’istituto di credito approva la nostra richiesta, pagherà l’importo del prestito entro un breve periodo di tempo. Di solito, questo viene emesso tramite assegno o accredito diretto sul conto corrente. Il programma di rimborso è generalmente uguale o inferiore alla durata prevista dal contratto. I pagamenti rateali di solito includono un piccolo importo, in cui i tassi di interesse per TAN sono solitamente circa 4,50% e 9,45%, mentre i tassi di interesse per il TAEG sono generalmente tra 8,14% e il 9,87%.

Quali tipi di prestito può richiedere un dipendente stagionale

Specificatamente, i tipi di prestito generalmente disponibili per i dipendenti stagionali sono 4:

Prestito d’onore: la cosa più importante è che se il denaro viene utilizzato per finanziare la ricerca o l’apertura di una nuova società, dovrebbe essere utilizzato. Generalmente questa soluzione si articola in contributi a fondo perduto e prestiti agevolati.

Prestito su pegno: questo è sicuramente uno dei tipi precedenti, che ti consente di ottenere un importo piuttosto basso. L’importo del prestito aumenterà con l’aumento del valore dei beni posto in pegno e depositato a fini cauzionali presso la banca, che di solito sono oro o gioielli (beni facilmente fungibili).

Prestito cambializzato in casa: anche se il richiedente è debitore o è protestato, può ricorrere a un prestito cambializzato in casa. Sostituendo il pagamento rateale, se il debitore è inadempiente o diventa insolvente, la cambiale offre alla banca la possibilità di intraprendere un’azione di protesta immediata.

Infine vi è il Crowfunding, questo però è una forma di finanziamento, più che prestito, che si stipula con un privato, non necessariamente una banca. Infatti questo si esplica in un appello da parte di una persona, che spiega il proprio progetto, e chi interessato può sottoscrivere con una mancia, un piccolo acquisto o anche un grande finanziamento. Quest’ultimi poi vengono ripagati in diverso modo, anche con azioni dell’eventuale futura azienda che vi nascerà.