Prestiti dipendenti ospedalieri: i migliori di Luglio 2022, finanziarie, guida

Indice dei contenuti

La guida completa ai prestiti per i dipendenti ospedalieri: medici, infermieri e operatori sanitari

Se tu che stai leggendo questo articolo, sei un medico o un infermerie con contratto di lavoro nel settore pubblico (settore sanitario) e stai cercando un prestito o uno stipendio di sostegno retribuito garantito dall’Inps Inpdap o erogato direttamente dall’ente previdenziale, allora sei sulla guida giusta. Nella discussione che segue, troverai tutte le risposte alle tue domande sulle procedure necessarie per proseguire la domanda di prestito e inoltrare la domanda alla spesa del capitale finanziario richiesto. Inoltre potrai conoscere quali prodotti di credito offre Inps Inpdap, i tassi di interesse applicati, le commissioni e tutte le altre spese nonché le spese economiche sostenute per il costo del finanziamento.

Prestito per i dipendenti ospedalieri: chi ne ha diritto?

I dipendenti ospedalieri con contratto di lavoro a tempo determinato e indeterminato possono beneficiare di apposite convenzioni Inps Inpdap sottoscritte dall’Amministrazione Previdenziale con più banche e finanziarie. Secondo la normativa Inpsdpap sull’attività creditizia per i dipendenti del settore pubblico, anche i medici dipendenti della sanità pubblica (ospedali, istituzioni sanitarie pubbliche, Asl, ecc.) Possono beneficiare dei benefici previsti dall’organizzazione. L’Amministrazione della Previdenza Sociale, purché e solo se partecipa alla gestione unificata del credito e dei servizi sociali.

Tra i requisiti per poter beneficiare dei finanziamenti a tasso agevolato Inps figurano:

  1. I servizi accumulati per almeno quattro anni possono essere utilizzati per ottenere eventuali benefici pensionistici,
  2. Ha accumulato quattro anni di quote contributive al dipartimento di gestione unificata,
  3. Al momento della domanda, il medico deve avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato,
  4. Dopo aver presentato la domanda, i medici del SSN devono essere in possesso di un contratto di lavoro a tempo determinato non inferiore a tre anni

Il medico, se in possesso dei requisiti temporanei previsti dal Regolamento Inps Inpdap, può beneficiare dell’articolo 13 del D.P.R.5 gennaio 1950/180, ossia dei prodotti di credito assegnati alla voce 5 può essere risolto entro la durata del contratto di lavoro (anche se a tempo determinato), ed è obbligato a destinare il TFR all’istituto creditore come obbligo di garanzia.

Come devono presentare domanda i dipendenti ospedalieri?

Per richiedere un prestito Inps (ex Inddap), i dipendenti ospedalieri e medici associati a SSN devono inoltre seguire procedure standardizzate per presentare domanda di prestito a tasso agevolato. Il processo prevede l’accesso ad una pagina riservata al form (accesso disponibile sul sito www.inps.it), che è dedicata all’attività creditizia, recuperando il form per inoltrare una richiesta, a seconda che si tratti di un piccolo prestito, direttamente più A prestito o altra forma. Prestito e / o garanzia annuale. Il personale addetto, dopo aver compilato la domanda di iscrizione, può visitare l’area riservata del portale INPS oppure inviare in via telematica la scheda di richiesta tramite la pubblica amministrazione statale o regionale (ASL, ospedale, istituto medico pubblico o convenzionato, ecc.) Per essere in servizio.

Il piccolo prestito per i dipendenti ospedalieri

Tra i vari prodotti di credito che i medici assunti possono utilizzare e che sono convenzionati con il SSN, c’è il microprestito Inps Inpdap, che può far fronte a piccole esigenze o realizzare progetti o spese impreviste. Il capitale finanziario dei microprestiti Inps normalmente non supera gli 8.000 euro, ha un piano di ammortamento, che è di 12 mesi, 24 mesi, 36 mesi e 48 mesi, e viene rimborsato ad un quinto dello stipendio. Per quanto riguarda le spese per microprestiti: il tasso di interesse nominale annuo dell’importo totale dei microprestiti è del 4,25% e le spese amministrative e ritenute alla fonte relative ai contributi del fondo rischi è dello 0,50%. Misure percentuali basate su regolamenti. La protezione del credito deve essere combinata con la copertura assicurativa per proteggere gli assicurati dai rischi occupazionali e da eventi accidentali che possono compromettere la capacità di adempiere agli obblighi contrattuali.

Il prestito pluriennale per i dipendenti ospedalieri

Se stai cercando un finanziamento di grandi dimensioni con un periodo di ammortamento superiore a 48 mesi, devi continuare a presentare domanda di prestito Inps Inpdap pluriennale. Il prodotto di credito può essere pagato in 60 rate o 120 anni, e solo quando viene richiesta la causale del prestito pluriennale. Anche in questo caso dal contratto di mutuo pagato-garantito possono essere trasferite indennità di fine rapporto e buste paga mensili a garanzia degli obblighi contrattuali. Sulla base della misura percentuale fornita, viene applicato un tasso di interesse nominale annuo del 3,50% all’importo totale del finanziamento pluriennale e la ritenuta alla fonte relativa al contributo delle spese di gestione e delle riserve di rischio è dello 0,50%. Rispettare il “Regolamento”.

In termini di fruizione, tramite il finanziamento pluriennale Inps Inpdap, è possibile acquistare il costo dell’abitazione e provvedere al finanziamento, alla ristrutturazione, all’acquisto di box e attrezzature, erogare fondi per spese mediche e istruzione dei bambini, ecc. . Per tali prestiti a medio e lungo termine il medico dovrà presentare anche un’autocertificazione allegata alla domanda.

Cessione del quinto per i dipendenti ospedalieri

Il più utilizzato è la cessione di un quinto, che è uno speciale prestito personale non finito che non necessita di specificarne la finalità. La caratteristica di questo finanziamento è il pagamento rateale, che viene detratto direttamente dallo stipendio dal datore di lavoro, ma è necessaria una convenzione tra le parti. L’importo richiedibile varia in base alla retribuzione mensile e il massimo non può superare 1/5 della retribuzione (massimo 120 mensilità). Il tasso di interesse è fisso e nel costo del prestito sono compresi la polizza assicurativa obbligatoria sulla vita e il costo per prevenire l’eventuale perdita del lavoro. In caso di estinzione anticipata del prestito, dovrà essere versato l’1% dell’importo restante del rimborso a titolo di commissione. In qualità di dipendenti ospedalieri di dipendenti pubblici, molte banche e istituzioni finanziarie erogano prestiti assegnando la quinta tipologia di prestiti, che hanno un tasso di interesse concordato inferiore alla media di mercato e sono in buone condizioni.

Inoltre, l’essenza di questo prodotto finanziario è che il prestito può essere richiesto anche in caso di protesto, pignoramento o come cattivo pagatore di Crif o altre denunce di finanziamento in corso. Per richiedere la quinta distribuzione è necessario esibire carta d’identità, codice fiscale e busta paga senza fornire ulteriori garanzie. Per ottenere il quinto impiego devi essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato ed avere almeno due mesi di servizio; se si tratta di un contratto a tempo determinato, devi avere una scadenza maggiore o uguale a. Pari a 36 mesi e la durata del prestito non supera questo limite.