Prestiti personali dipendenti statali: i migliori di Settembre 2021, finanziarie, guida

Indice dei contenuti

La guida completa per i prestiti personali richiesti dai dipendenti statali

Il prestito personale Noipa è una forma di finanziamento per tutti i membri della pubblica amministrazione, che possono così ottenere la liquidità necessaria per realizzare progetti a costi e tassi di interesse accessibili (rispetto al tasso medio di mercato). Per poter ottenere questo prestito è necessario far parte del sistema Noipa e del suo sito web. Lo scopo di questo sito web è tutto ciò che riguarda il trattamento economico del centro di gestione pubblica e del personale periferico: nella soluzione di prestito personale Noipa, noi presteremo particolare attenzione alla formula base dei piccoli prestiti, ma organizzeremo anche un viaggio appositamente per il prestito con la cosiddetta delega di pagamento, di cui sicuramente avrete sentito parlare molte volte tra colleghi.

Come si caratterizza questo tipo di finanziamento

La funzione del prestito personale Noipa non è diversa dalla normale funzione di prestito bancario, ti permette di richiedere un importo pari ad un mese o più del tuo stipendio INPS: si tratta sostanzialmente di prestiti dell’ex Inpdap, che in realtà sono istituti presso l’ente di previdenza nazionale dal 2011, cioè è stato assorbito dall’INPS insieme ad altri a partire dall’anno, e quest’ultimo ha continuato a erogare finanziamenti a tassi di interesse competitivi e li ha rimborsati in detrazione diretta dei salari. L’importo totale che Inpdap può richiedere per un piccolo prestito va dal più piccolo importo netto mensile medio una tantum ad un massimo di quattro mesi, ma se lo stesso cliente non ha altri prestiti dopo l’allocazione del cliente può arrivare anche ad una moltiplicazione per 8.

Trattandosi di prestiti erogati tramite questa tipologia di piano di ammortamento, i dipendenti statali devono essere titolari di conti correnti bancari, pertanto l’INPS può sia accreditare l’importo tramite il sistema Noipa sia effettuare trattenute dirette dei pagamenti rateali. Non deve superare il 20% dell’importo reddito totale. Questo prestito personale Noipa è riservato ai dipendenti statali (compresi lavoratori e pensionati), purché partecipino regolarmente alla gestione unificata dei servizi di credito (detta anche “gestione del credito”) e paghino quindi una donazione pari a 0, 35 % del fondo.

La richiesta del prestito

Per fare richiesta di un prestito personale Noipa non è necessario recarsi in nessuna filiale fisica, ma è possibile utilizzare il sito per presentare domanda all’INPS tramite la piattaforma istituzionale in qualsiasi momento, perché il servizio è attivo 24 h su 24 h, 7 giorni su 7, cioè tutta la settimana. Per fare la richiesta bisogna manda la domanda compilata nelle voci richieste dal modulo e allegare tutti i documenti richiesti: dopo che la domanda di credito sarà stata valutata ed accettata, sarà necessario attendere dai 45 ai 60 giorni prima di poter pagare il piccolo prestito.

In questa pagina del sito ufficiale NoiPa puoi trovare tutte le informazioni utili. Puoi richiedere questo piccolo prestito dall’INPS online. A seconda dello stipendio, verrà automaticamente applicata la ritenuta alla fonte mensile o dell’assegno previdenziale a seconda dell’importo dell’ammortamento che si è andato a concordare.

Richiedere il prestito tramite il sito di NoiPa

Il sito Noipa è fondamentale per la richiesta e l’ottenimento di microprestiti perché, come ci aspettavamo, sostituisce il tradizionale metodo di presentazione e valutazione delle domande, consentendo ai singoli lavoratori o pensionati iscritti al sito di farlo in autonomia, mediante una serie di operazioni senza passare alla sua sede amministrativa sede o ufficio INPS.

Nello specifico vi è la possibilità di:

  • Simulare il preventivo dell’importo del pagamento rateale, della durata e dell’importo del prestito
  • Effettuare la presentazione di una domanda di microprestito compilando un apposito form, in cui sono state inserite e verificate le informazioni disponibili sul sistema informativo del servizio paghe
  • Effettuare un monitoraggio dello stato di avanzamento del caso e visualizzare i risultati della richiesta

Dopo l’approvazione dell’INPS, Noipa avvierà automaticamente l’iter di accredito sul conto corrente dei fondi richiesti. Tutti i membri della Pubblica Amministrazione possono usufruire del servizio 24 ore su 24, 7 giorni su 7, basta recarsi nella sezione “self-service” della propria area riservata.

Per usufruire di questo servizio, devi:

  • Avere le credenziali per accedere al portale Noipa con codice fiscale e password o tessera nazionale dei servizi
  • Se si accede con il numero di previdenza sociale (uguale al codice fiscale) e la password, è necessario inserire il PIN (conservare e identificare i singoli utenti) per garantire la sicurezza completa. Per saperne di più sul codice sopra detto, vai alla pagina “Pin”.
  • Possedere un conto corrente in una banca o un ufficio postale su cui viene erogato il proprio stipendio.

Il prestito con delegazione: in che cosa consiste?

Oltre ai piccoli prestiti, ci sono i prestiti erogati dalla Delegazione di pagamento Noipa, una particolare tipologia di prestito erogato da istituti di credito e società finanziarie che hanno sottoscritto una convenzione con la pubblica amministrazione per la scuola Fornire convenienza alle persone che lavorano. La particolarità del prestito è il tasso di interesse molto conveniente determinato direttamente dal MEF, e il beneficiario affida al proprio reparto gestionale il ritiro della rata direttamente dallo stipendio trasferendo due quinti. Possono quindi avvalersi di questa forma di prestito agevolato tutti i dipendenti delle istituzioni scolastiche i cui stipendi sono gestiti direttamente dal sistema Noipa: le caratteristiche del prestito prevedono che la durata del contratto non possa superare i 10 anni.

Per richiedere un prestito basta contattare un istituto finanziario su Internet, e in poco tempo puoi anche ottenere un preventivo gratuito online. Il processo di presentazione della domanda di prestito è molto semplice e snello: basta fornire i documenti di identità, il codice fiscale e la busta paga per avviare la procedura e completare tutti i passaggi.

Quali tassi d’interesse si applicano

Per saperne di più sul tasso di interesse e sul costo totale del prestito tramite l’autorizzazione al pagamento Noipa specificata in Taeg, i dipendenti pubblici devono visitare l’area personale sulla piattaforma Noipa, in modo che possano anche simulare il prestito in modo da conoscere l’importo e il tasso di interesse di ogni rata. Il tasso di interesse varia in base all’importo e alla durata del piano di ammortamento: Tan è sempre fissato al 4,80%, Taeg ha un range minimo di oscillazione del 5,83% e l’importo supera i 25.000 euro. L’euro verrà rimborsato in 120 rate. Il più alto è del 7,28%.

Quinto BancoPosta: la cessione del quinto per i dipendenti statali

Quinto Bancoposta è un servizio di prestito assistito a pagamento fornito da Poste Italiane. Uno dei vantaggi di scegliere Bancoposta è che puoi utilizzare i capillari dell’ufficio postale che è distribuito in quasi tutto il territorio nazionale ed è il primo punto di contatto con i cittadini di ogni fascia d’età.

La cessione di un quinto per i dipendenti statali è una forma di prestito personale, l’unica cosa da dover garantire è un quinto dello stipendio, quindi al quinto dipendente va assegnato un nominativo. Ad esempio, se hai uno stipendio netto di 1200 euro, puoi pagare fino a 240 euro al mese massimo, oltre non si può andare.

L’importo massimo del prestito disponibile è correlato alla rata mensile massima erogabile. Altri vantaggi per la distribuzione della quinta corrispondenza nelle Poste Italiane sono i seguenti:

  • Non è richiesta la firma del coniuge per farne richiesta.
  • Puoi fare anche altri prestiti nel mentre.
  • L’assicurazione del prestito è obbligatoria, ma sottoscritta dall’istituto di credito che eroga il prestito

Chi ne ha diritto?

Vengono considerato come dipendenti statali i seguenti:

  • Funzionari pubblici
  • Le forze militari
  • Dipendenti presso Carabinieri
  • Personale dei ministeri

I dipendenti pubblici che richiedono un prestito destinando un quinto del denaro a BancoPosta devono inoltre attenersi alla seguenti regole:

  • Vivi in ​​Italia e genera reddito in Italia
  • L’età massima al momento del pagamento finale è di 66 anni
  • Per le donne, la durata massima del servizio al momento dell’ultimo pagamento è di 41 anni e 10 mesi
  • Per gli uomini, la durata massima del servizio al momento dell’ultimo pagamento è di 42 anni e 10 mesi

La documentazione richiesta

Ti verrà inoltre chiesto di fornire i seguenti documenti:

  • Documento di identità valido
  • Tessera sanitaria CUD I tuoi due stipendi più recenti
  • Se hai più di 60 anni i documenti dei diversi contributi erogati all’INPS
  • Se sei straniero, ti verrà richiesto anche di fornire un permesso di soggiorno.

Consigli finali sui prestiti per i dipendenti statali

Ci auguriamo sempre di consigliare sempre ai lettori di effettuare le valutazioni necessarie sotto la guida di professionisti del settore, che saranno in grado di fornire le necessarie misure preventive e valutazioni, anche economiche e normative, il che ci fa ipotizzare che dobbiamo essere contattati da un commercialista o da un avvocato, perché è facile soddisfare entrambe le valutazioni.