Prestito Bancoposta dipendenti pubblici: i migliori di Settembre 2021, finanziarie, guida

Indice dei contenuti

Se ti stessi domandando quali siano i migliori prestiti BancoPosta per i dipendenti pubblici ti trovi sicuramente nell’angolo di internet che fa al caso tuo.
Infatti tra i prodotti finanziari disposti dal gruppo Poste Italia, vi rinveniamo una soluzione dedicata alla categoria dei dipendenti, i quali percepiscono un reddito fisso sotto forma di busta paga.

La guida completa dei prestiti BancoPosta per i dipendenti pubblici

Poste Italiane eroga alla clientela anche i prestiti per dipendenti Bancoposta, destinati a dipendenti pubblici e statali. Parliamo del cosiddetto Quinto BancoPosta Dipendenti Pubblici, il quale è un prestito rimborsabile in 36-120 rate.

Chi vi può accedere a questo prestito?

  • Dipendenti pubblici
  • Dipendenti dello stato
  • Forze armate
  • Carabinieri

BancoPosta, oltre a questo prodotto finanziario, permette di richiedere anche una seconda cessione del quinto, cumulabile alla prima, che è letteralmente una doppia cessione del quinto, che è sempre caratterizzato dal rimborso tramite un ordine di pagamento (agente di pagamento).

Grazie a queste due forme di finanziamento è possibile ottenere un importo complessivo di 150.000 euro (compreso capitale + interessi) (75.000 euro (assegnazione quinta rata + 75.000 euro e autorizzazione al pagamento). Il calcolo della rata sarà determinato sulla base dello stipendio netto percepito e non potrà superare il 20% dell’importo equivalente.

A seguire entreremo maggiormente nello specifico dell’argomento, offriremo le diverse risposte a tutte le domande che semplicemente accennando all’argomento ti sono sorte automaticamente.
Il consiglio che facciamo ogni volta che affrontiamo questi tipi di argomenti, è sempre quello di prestare particolare attenzione e all’occorrenza fornirsi di un quaderno e una penna con cui prendere appunti, così da evitare di perdersi dei passaggi fondamentali alla comprensione dell’argomento.

Quinto BancoPosta per i dipendenti pubblici

Si tratta di un prestito personale pensato da Poste Italiane per soddisfare le esigenze del Paese, delle forze armate e delle forze dell’ordine. Tutti questi hanno comodi metodi di pagamento rateale, che vengono detratti direttamente dallo stipendio. Quinto BancoPosta Civil Servants è un prodotto pensato per garantire il silenzio dei rimborsi su misura per i clienti. Tra l’altro, anche se non hai un conto corrente, puoi richiedere un prestito posticipato con rate mensili fino ad un massimo di un quinto. Uno degli altri vantaggi di Quinto BancoPosta per i dipendenti dello Stato è che il prestito può essere utilizzato anche per rimborsare altri prestiti, anche se chi richiede il prestito sta ancora effettuando altri prestiti o ha difficoltà ad ottenere altre forme di credito.

Come si caratterizza il Quinto BancoPosta

Come accennato in precedenza, lo stipendio garantito di Quinto BancoPosta per i dipendenti pubblici a rate non potrà superare 1/5 dello stesso stipendio. Gli oggetti che possono richiedere il prestito sono tutti dipendenti pubblici e statali, membri delle forze armate, quindi oltre ad appartenere alla polizia di stato ci sono i Carabinieri, la polizia fiscale, l’esercito italiano, la marina e l’aviazione. L’importo concesso dipende dallo stipendio del richiedente, dal quinto cedibile e dalla durata del prestito stesso, che va dai 36 ai 120 mesi. L’assicurazione prestata da Quinto BancoPosta per i pubblici ufficiali copre anche il rischio di morte prematura e di disoccupazione, e tutte le relative spese (anche regolamentari) sono a carico dell’assegnatario.

Quali sono i requisiti per accedervi

Coloro che richiedono Quinto BancoPosta per dipendenti pubblici devono essere cittadini italiani e avere un contratto a tempo indeterminato tra i 18 ei 65 anni, e l’età massima di scadenza del prestito è correlata all’età pensionabile e alla categoria professionale selezionata dal cliente, che è il più lungo per i dipendenti di sesso maschile. Il periodo di servizio è di 42 anni e il periodo di servizio massimo per i dipendenti di sesso femminile è di 41 anni. Per quanto riguarda le forze armate e la polizia di stato, l’età massima alla scadenza del prestito è di 60 anni e la durata massima del servizio è di 35 anni. Se il periodo di servizio supera i 35 anni, l’età massima è ridotta a 57 anni.

Quali documenti presentare

I dipendenti pubblici interessati a fare richiesta devono presentare i seguenti documenti all’ufficio postale autorizzato più vicino:

-Documento d’identità valido
-Tessera Sanitaria / Codice Fiscale
-Cud -Gli ultimi due stipendi
-Estratto conto fornito da Inps / Ex-Inpdap, ma solo se il cliente ha più di 60 anni al termine del piano di ammortamento del prestito
-Extinction Act, solo in caso di rinnovo di un altro trasferimento con cessione del quinto in corso.

In ogni caso, a seconda delle caratteristiche specifiche del richiedente, l’impiegato postale può richiedere documenti diversi da quelli contenuti in questo breve elenco.

Come si effettua il rimborso

Quinto BancoPosta, una volta soddisfatte le condizioni sopra elencate e ottenuto un finanziamento, assegna a funzionari pubblici mediante accredito su conto BancoPosta o versamento su conto corrente bancario o tramite assegno circolare certificato. Come accennato in precedenza, il metodo di rimborso viene detratto direttamente dallo stipendio sulla base di un quinto dello stipendio mensile.

Esempio pratico

Nel paragrafo relativo ai requisiti per l’ottenimento del Quinto BancoPosta per i pubblici ufficiali, vediamo che alla scadenza del piano di ammortamento l’età massima del cliente abbonato deve essere di 65 anni, se è un maschio la vita massima di servizio è di 42 anni, se ha 41 anni, l’anzianità massima di servizio è se si tratta di una donna. Per i clienti appartenenti alle forze armate e ai Carabinieri, invece, l’età massima è equivalente a 57 anni e l’anzianità è superiore a 35 anni, ovvero 60 anni e l’anzianità non superiore a 35 anni. Facciamo un esempio, Quinto BancoPosta offre uno sconto per i dipendenti pubblici con uno stipendio mensile di 1.250 euro, al netto delle tasse e contributi, come puoi vedere sul sito ufficiale.

  • Si avrà un TAN fisso di 7,53% e un TAEG di 7,80%
  • Le rate sottratte ogni mese saranno pari a 250€
  • Per un totale di 120 mesi
  • Finanziamento di 21.033 €
Il costo finale si esplica nel seguente modo:

  • Interessi pari a 8.966€ senza ulteriori spese (quindi sono escluse spese di istruttoria, di distribuzione, di gestione, di bollo su contratto, di comunicazioni periodiche o di incasso)

L’importo finale che dovrà essere restituito quindi sarà di 30 mila euro.

Gli importi massimi ottenibili dalla cessione del quinto

L’importo massimo che possono richiedere i dipendenti pubblici tramite Quinto BancoPosta è di 70.000 euro per i pensionati e di 75.000 euro per i dipendenti pubblici e statali ancora in corso.

L’importo massimo che può essere aumentato dipende dall’importo dello stipendio o della pensione versato a rate, e arriva fino a 1/5 dell’assegno previdenziale o dello stipendio netto mensile (la cosiddetta quota trasferibile). Le persone che hanno già una delega di pagamento e coloro che hanno precedentemente svolto attività di sostegno alla retribuzione presso altra banca o istituto finanziario possono richiedere anche dipendenti pubblici di QuintoBancoPosta: in questo caso è necessario richiedere che venga azzerato il conteggio di estinzione del lavoro precedente a In la Banca. La banca o l’istituto finanziario avvia quindi una richiesta Quinto BancoPosta. Una parte del netto pagato compenserà le vendite precedenti.

Quando viene negato un prestito BancoPosta

Può accadere che un cliente di Poste Italiane (da qui l’intestatario del conto Bancoposta) venga rifiutato di effettuare una richiesta di prestito. Le ragioni possono essere varie e anche una sola può impedire l’ottenimento del credito.

I più frequenti sono:

  • Il nome del richiedente si trova nell’elenco dei cattivi pagatori
  • Debito eccessivo del richiedente
  • L’esistenza di un altro finanziamento ottenuto negli ultimi 12 mesi, anche con rimborsi periodici
  • Sono state presentate più richieste di prestito a diverse istituzioni nello stesso periodo
  • Il richiedente è garante dei debiti
  • Mancanza di reddito effettivo o reddito insufficiente o persino lavoro instabile

Consigli finali e conclusioni

In conclusione vi è da dire che Poste Italiane rappresenta una grande azienda in Italia, una delle più grandi, tant’è che vi vede anche un’ampia partecipazione pubblica da parte dello stato, proprio perché questa era in passato un’impresa pubblica, poi mutata in società per azioni.

Ci teniamo a precisare inoltre che prendere un finanziamento o un prestito è un passaggio delicato, in quanto significa impegnare la propria finanza personale in modo attivo, da cui dipendono anche dei costi di debito di non poco conto. Quindi ci teniamo a consigliare di prendere in considerazione il fatto di prendere un consulto con un commercialista, in quanto questo è laureato in economia e saprà consigliare la reale convenienza del prestito. Dall’altro anche un avvocato, il quale saprà offrire una valutazione reale del contratto e delle clausole in lui contenute, così da non incorrere in problemi ed errori di natura prettamente giuridica e contrattuale.

Infine quindi vogliamo dire di ponderare la scelta in modo ragionato e scientifico, calcolare la reale convenienza del prodotto e successivamente prendere una scelta cosciente e ponderata alle proprie necessità. La lettura di questa guida è il primo passo.