Prestiti pluriennali gestione dipendenti pubblici: i migliori di Settembre 2021, finanziarie, guida

Indice dei contenuti

La guida ai prestiti pluriennali di gestione per i dipendenti pubblici

I prestiti pluriennali Inpdap sono finanziamenti garantiti per dipendenti pubblici, statali e locali che partecipano regolarmente alla gestione unificata dei servizi sociali e creditizi. Si tratta di soluzioni fornite direttamente da enti assistenziali in base alla disponibilità e da banche e finanziarie associate a Inps Inpdap. Oggi proveremo a capirne la composizione, le persone che possono trarne beneficio e, soprattutto, le condizioni necessarie per utilizzarlo.

Che cos’è il prestito pluriennale?

I prestiti pluriennali Inpdap prevedono importi variabili affinché dipendenti o pensionati possano far fronte a spese impreviste. Il prestito è stato finalizzato. Ciò significa che per poterlo utilizzare i costi da sostenere devono rientrare nelle circostanze previste dal Regolamento Inps Inpdap. I prestiti pluriennali fanno parte dei prestiti diretti, e parte dei prestiti diretti viene erogata direttamente dall’INPS Inpdap, così come i piccoli prestiti Inpdap. Inoltre è un prestito garantito perché un soggetto può farne richiesta ad una banca o finanziaria associata all’INPS. In questo caso la distribuzione di un quinto dello stipendio (busta paga) e lo sblocco del TFR del dipendente sono garanzie sufficienti per il rimborso del finanziamento.

Chi ne ha diritto?

Come accennato in precedenza, i prestiti pluriennali Inpdap sono destinati a persone che entrano regolarmente nell’ufficio gestione dei dipendenti pubblici, quindi possono usufruirne sia i pensionati che i dipendenti pubblici. L’istituto di credito viene rimborsato dal soggetto richiedente il prestito tramite rate mensili che vengono detratte direttamente dallo stipendio netto o pensione. Inoltre, quest’ultima non supera il 20% della retribuzione o delle pensioni e rimane invariata per tutto il periodo del prestito. Pertanto, nella categoria dei lavoratori (pubblici, dipendenti statali o enti locali), dobbiamo ricordare:

  • Dipendenti della Società di Gestione del Fondo del Gruppo Poste Italiane. Si tratta di un prestito a persone che lavorano in Poste Italiane e società collegate. La durata del finanziamento pluriennale in questione può essere di 5 o 10 anni, ed è concesso entro la parte cedibile ovvero un quinto dello stipendio netto (da non confondere con il Quinto BancoPosta che è il servizio offerto da Poste Italiane, in questo caso facciamo riferimento ai dipendenti che lavorano per Poste Italiane).
  • Pensionati assegnando il quinto della pensione. I pensionati, questa categoria può accedere a finanziamenti erogati da banche, istituti finanziari o enti autorizzati.
  • I dipendenti che sono entrati a far parte della gestione dei dipendenti pubblici. Quest’ultimo vale solo per le persone che entrano regolarmente a far parte della gestione ex Inpdap. Anche in questo caso si tratta di prestiti erogati da istituti finanziari accreditati INPS

I requisiti da soddisfare per evitare di essere esclusi

Secondo il “Regolamento” emanato dall’INPS Inpdap, i requisiti fondamentali per la presentazione della domanda di finanziamento sono i seguenti:

  • Essere iscritti alla gestione unificata delle agevolazioni sociali e creditizie
  • Ha prestato servizio nella pubblica amministrazione per più di quattro anni
  • Avere un contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato. Tuttavia, nel primo caso, la durata minima del contratto deve essere di 36 mesi e il prestito deve essere rimborsato entro i termini del contratto.

Quale prestito pluriennale scegliere?

Il precedente Inpdap, ormai trasformato e incorporato nell’INPS, prevedeva inoltre ai dipendenti finanziamenti a lungo e medio termine garantiti per molti anni, e prevedeva un piano di ammortamento di 60 o 120 mesi. Si tratta in particolare di due forme simili di prestito, ovvero:

  • Prestito quinquennale E prestiti decennali

La rata del finanziamento non supera il quinto dello stipendio netto, e in entrambi i casi si applicano agevolazioni di tipo economico. Un esempio può essere che per eventuali commissioni di gestione e contributi ai fondi di rischio, il tasso di interesse nominale annuo è del 3,50% e la ritenuta alla fonte è dello 0,50%.

Il prestito di tipo quinquennale

Cominciamo parlando di un prestito garantito con un piano di rimborso quinquennale, con un totale di 60 rate a cadenza mensile. Come si è già visto, questa è la soluzione di credito definitiva. Di seguito elenchiamo i motivi per cui puoi richiedere questo prestito.

Prestito pluriennale:

  1. Disastri naturali (come terremoti o inondazioni, ecc.)
  2. Riparare i danni legati a rapina e incendio mossa
  3. Progetto appartamento (in caso di acquisto prima casa)
  4. Manutenzione ord.
  5. Installazione di impianto fotovoltaico
  6. Acquista un’auto (adatta anche a persone con disabilità)
  7. Dai alla luce o adotta un bambino
  8. Restauro e salute dei denti oppure cura sanitaria in generale
  9. Morte di parenti
  10. Spese di matrimonio
  11. Formazione post laurea e specializzazione.

Prestito di tipo decennale

Qual è lo scopo necessariamente previsto di un prestito con piano rateale di 10 anni e 120 rate con cadenza mensile? Di seguito hai modo di comprendere quali siano tali finalità:

  • Riscatta locali pubblici o di istituzioni pubbliche in affitto (come una casa popolare)
  • Acquisto di proprietà tramite cooperativa o residenziale
  • Manutenzione di tipo straordinaria
  • Edificazione della prima casa
  • Rimborso anticipato del mutuo sulla casa già avviato
  • Grave malattia di un eventuale familiare0
  • Eccezioni non per questi scopi: solo in determinate occasioni molto specifiche.

Come fare richiesta di questo tipo di prestito?

Una volta capito se è possibile richiedere un prestito Inpdap pluriennale, devi capire anche come e dove inoltrare la richiesta. Basta contattare la banca o l’istituto finanziario che ha raggiunto una convenzione con l’Agenzia di Previdenza Sociale Inps Inpdap. Collegandosi al sito INPS, soprattutto entrando nella sezione “Tutti i Moduli”, è possibile cercare e scaricare la domanda da compilare. In fase di invio è necessario allegare documenti personali e di reddito. In terzo luogo, è un certificato medico per comprovare le condizioni di salute e fisiche della persona che ha effettuato il prestito secondo i requisiti tecnici. DPR 15 895/1950. Inoltre è necessario presentare in allegato varie autocertificazioni, che varieranno a seconda della diversa esigenza finanziaria. Dopo aver effettuare la richiesta, questa verrà presa in carico dall’ufficio Inps Inpdap addetto alla supervisione.

Qualora la domanda risponda agli standard previsti dal “Regolamento” e tutti i documenti necessari siano già presentati in modo corretto, il finanziamento verrà erogato nell’ordine di arrivo della richiesta. Cosa succede se la domanda viene respinta? Anche in questo caso l’ufficio INPS comunicherà al richiedente del prestito il motivo del rifiuto e il motivo della selezione.

Con quali garanzie sostenere il prestito?

Se è impossibile ottenere questo tipo di prestito, il problema solitamente può essere risolto ottenendo una serie di sistemi e forme di garanzie, che possono consentire al nostro sistema di fornire ai privati ​​sotto forma di obbligazioni personali e più generali. In primo luogo, c’è una reale garanzia di investire in istituzioni che di solito vengono chiamate mutui o mutui. Oppure la stessa forma di garanzia personale del garante o del garante più comune.

La garanzia reale

In questa descrizione rientrano i pegni e le ipoteche, si può dire che sono due istituti che garantiscono l’investimento e il prestito di beni detenuti da debiti, possono essere beni mobili (nel caso di pegno) o immobili ( del mutuo). Questi forniranno garanzie per la banca, perché se c’è un default, può essere pagato all’asta.

Garanzie personali

Le garanzie personali sono espresse in modo diverso dal cosiddetto garante (noto anche come nome del fideiussore). Di solito, si tratta di una terza parte che utilizza i propri beni e reddito (per questo dipendente) come garanzia per i debiti. In caso di violazione del contratto, il creditore può presentare un reclamo nei suoi confronti. Quest’ultimo infatti si ritrova sempre nelle persone molto vicine alle nostre esigenze.

Queste forme di garanzia come facilmente si può intuire, offriranno delle tutele maggiori all’istituto bancario e questo significa che sarà maggiormente disposto ad erogare il prestito, in quanto avrà meno rischi di non vedere soddisfatto il proprio interesse creditorio.

Infatti in entrambi casi si attivano una serie di conseguenze giuridiche molto rilevanti, sia per il debitore che per il creditore, in materia di procedura esecutiva. Infatti ci teniamo a consigliare sempre di valutare la consulenza con un avvocato, al fine di evitare che ci si ritrovi a dover affrontare conseguenze che non si erano minimamente immaginate.

Consigli finali

In conclusione ci teniamo a dire che il prestito è un impegno molto importante che una persona fa nella propria vita, in quanto può radicalmente incidere sul proprio futuro. Infatti è sempre bene fare delle corrette valutazioni e prendere decisioni che siano ragionevolmente ponderate. Infatti il consiglio più vivo, molto simile a quello appena accennato sopra, è quello di affidarsi a delle figure professionali di consulenza, quale un commercialista o sempre un avvocato, in quanto questi due potranno offrire una reale lettura della realtà economica e normativa che ci si presenta davanti.